lunedì 22 dicembre 2008


Ormai sin rivâs a Nadâl e si è daûr a preparà buinis ricetis a viargi bielis (e buinis) butilis, speran di fà biele figure e di cumbinà ben i savors. Un adiutori pol rivà dal sito dai vins de Grave dal Friûl che rapresente le magjor zone DOC dal vin de nestre region. Ma mi plàs ripuartà ce che si dis su le cusine furlane definide une cusine cence importance da parte di une siore che ò cognòs:

"La cucina friulana, rinomata a livello internazionale e apprezzata dai numerosi turisti che durante l’anno vengono ospitati in questa terra, soddisfa i palati più esigenti con piatti tipici realizzati con i prodotti stagionali della terra. "

Cumò che jo ò stoi ospitant le presidente dal Fogolar Furlan di Cordoba (Argentine) pensi propit che i fasarai cognosi cualchi plàt. Intant, je mi fevele dal significant di jessi furlans lontans da Patrie, cirent lis propris ladris, i ricuards, lis tradizions. Son paìs dula che lis stradis tegnin duç nons, anzi cognoms di furlans, dulà chel è facil cjatà un furlan chel à braure da Patrie ancje se no le à mai viodude.
Samêe di fevelà cun int di un altri mond... e forsi l'è propit cussì!
Buinis fiestis!!!

1 commento:

ILfurlanist ha detto...

Bè, tu podaressis fasiji une intervistute pe Patrie, a la presidentesse ;-)